IL CIELO SOPRA BELLUNO (prima parte….. poi arriva)

 

 

 

Come spesso (mi) capita, quando qualcosa tende a concludersi (tranne il lavoro del tuo dentista), affiora una sensazione di malinconia. E’ vero, potrebbe non essere il periodo più esaltante della vita di una persona, ma a me capita di riversare su questo tipo di momenti, un peso importante, a volte eccessivo. L’ho vissuto spesso (sempre!) dopo dei laboratori o piccole turnee teatrali, semplici vacanze, incontri fugaci in treno o breve scambio di sguardi al supermercato o sull’autobus.

 

Proprio ieri, stavo cercando una frase d’effetto sul senso del distacco e della perdita e volevo condividerlo. Qualcosa che lasciasse di stucco i miei 2 lettori. Allora mi sono seduto, rilassato, ho appoggiato le mani sulle ginocchia con i palmi rivolti verso l’alto, ho acceso una candela davanti a me cercando di convergere la luce all’altezza del sesto chakra e diffidente, ho cercato di mettere in pratica gli “strizzaconsigli”, che per 80 euro all’ora, sarebbe ora dessero qualche soddisfazione.

E lì, ho iniziato ad immaginare… la mia testa che si erge verso l’alto, fa una piroetta in avanti, ruota su se stessa e va ad infilarsi direttamente in bocca, per poi entrare a sbirciare nel profondo. (utilizzando il foro più agibile)…Niente da fare.!!. Nel profondo niente di niente! Buio…troppo!!. Sarà a causa dei miei quasi 20 anni di teatro, ma la prima impressione è stata di un sipario chiuso che non preludeva all’inizio di uno spettacolo, anzi!…era lì a nascondere.

 

Lo so’! Devo essere cauto con le descrizioni!! Non devo sottovalutarle… la settimana scorsa, ad esempio, stavo rientrando a casa, quando sono stato fermato da un gruppo di “metafore” e un paio di queste mi ha spinto addosso alla vetrata del bar dei cinesi…

METAFORA 1: “allora??…eh?… l’hai finita di usarci alla cazzo per le tue stupidaggini???? … hai 2 lettori…..cazzo, …ma smettila!! ..guarda che se ci provi ancora….”

METAFORA 2:..”e quella volta?… cosa aveva detto il coglione? ..Ah si…le tue labbra sono due barchette di ribes-..ma vaffanculo..!!

METAFORA 3: “un caimano oscuro nuota nello Zambesi dei tuoi occhi!…questa ci era piaciuta!!..fino a quando non abbiamo scoperto che l’avevi rubata ad un poeta argentino…

IO: l’avevo solo presa in prestito…!!!

METAFORA 2: “non dire cazzate! …6 fortunato che siamo in Italia e hanno depenalizzato anche questo!!

METAFORA 1: ..”stai all’occhio cazzetto moscio… sennò sai cosa ti succede no??.. ricordi l’estate scorsa ..?? “…

METAFORA 1-2-3: hahahahaha…hahahah…hahahah

.. con la schiena appoggiata al muro, quasi in stato confusionale, lentamente sono scivolato fino a poggiare il culo per terra… mentre queste iniziavano a correre, a zig zag, in mezzo alla provinciale, sghignazzando e passandosi una palla da rugby. Ho avuto la netta impressione che stessero ridendo di me. Il ferragosto di un anno prima, infatti, nonostante la giornata assolata, mi avevano completamente inzuppato…. “dal pianto di una nuvola”.

 

Mentre ero intento a sfuggire a questi destabilizzanti pensieri seduto bar dell’aeroporto in attesa dell’imbarco, con l’amica e il fidanzato, che invece sorseggiavano acqua di pozzanghera, (che lì chiamano il latte macchiato), sono iniziate ad affiorare nella mia testa… come zombie dalla nebbia (..e ridaiee..)i problemi non risolti che avevo ignorato mentre alla chetichella volavo all’estero. A breve ho iniziato a vederli sempre più chiaramente, stravaccati nel mio salotto, scarpe e calzini dappertutto, intenti a giocare a carte, bevendo le mie grappe e pulendosi il naso sulle tende IKEA.

 

Lo stato d’animo di quel giorno, era simile a quello che vivevo ai tempi della scuola, quando, dopo essere stato interrogato, interrompevo di botto lo studio, …”tanto di tempo ce n’e’” dicevo, e latitavo dandomi al nulla. All’improvviso, il ciclo si completava e riprendevano a ronzare i fantasmi di nuove interrogazioni, con il pensiero di aver smarrito parte del programma e non sapere da dove partire.

E così era successo! Dopo una settimana di cazzeggio culturale, mi si ripresentava la solita vita, senza che avessi studiato nemmeno una paginetta del manuale di reinserimento nel mondo reale.

Mentre mi dedicavo alla fase..”OH MIO DIO!!… E ADESSO???”, sono salito con notevole ritardo, immalinconito, con petto e gola somatizzanti.

Mi accomodo sul primo posto libero, pronto ad iniziare una fase di apnea da lettura. Occupo con il piumino un posto a fianco ad un ragazzo pallido, sicuramente inglese, I SUPPOSE, e procedo nella ricerca di uno spazio per il bagaglio che sopra la mia testa non trovo. Faccio 5 passi lungo il corridoio, ed un mio occhio, quello più funzionante, va ad affondare in una scollatura di proprietà di una ragazza che sembra in fase rem, con la testa già riversa sul finestrino e con 2 posti liberi a fianco 2.

Gonfio il petto, raddrizzo la schiena, ed immagino di uscirmene con una frase talmente forte, da indurla a sperare che decidessi di sedermi lì con lei.

scusa, mi è caduto l’occhio dentro la scollatura, ti spiace se me lo riprendo??”…lei mi avrebbe guardato, e sorriso: “finalmente un ragazzo originale, di solito siete tutti noiosi e prevedibili…ma perchè non ti siedi qui, mi farebbe molto piacere!”

Nella realtà, invece, farfuglio afasico e chiedo se per caso uno dei posti è libero….”sai, qui sopra c’è l’unico posto libero e non vorrei perdere d’occhio la valigia”.

fai pure!” sufficientemente disinteressata

Mi accomodo sul sedile più vicino al corridoio ed appoggio la giacca a fianco alla sua. Lei fa il gesto si spostarla, ma la persuado che 2 giacche sullo stesso seggiolino, possono convivere tranquillamente, anche se sono di colori diversi e aggiungo, riferendomi alla giacca, come se non bastasse: “ mi raccomando, fai la brava e non allungare le maniche!!”

Lei mi guarda sgranando gli occhi, non emette suono e si limita a spingere verso l’alto gli angoli della bocca (dai che sorride..mi dico..) tossicchia a secco, estrae in modo inequivocabile un libro di Banana Yoshimoto, lo “sbuccia” e ci si affonda. …Risalirà solo dopo l’assurdo applauso di atterraggio.

 

Appena l’aereo è definitivamente fermo, scatto in piedi e cerco di allontanarmi prima possibile, sperando che MISS TESTA RIVERSA 2012 abbia solo l’illusione di avermi incontrato. Scendo la scala metallica e quando arrivo in fondo, sento una mano appoggiarsi alla mia spalla. Mi volto e…”NO!!! CAZZO!!!….ancora voi??”

METAFORA 2: “perchè?… non si può più prendere un aereo?

IO: “ ..no è che..”

METAFORA 1: “è che siamo stufi di vederti così!…”

IO: “….???!!???…”

METAFORA 1: sarebbe ora tu credessi un po’ più a te stesso… guarda che la battuta sull’occhio nella scollatura, non era niente male… perchè non l’hai detta?… ma di cosa hai paura??…cosa ti poteva succedere??

METAFORA 2:”…era nettamente migliore a quella delle maniche…che invece hai detto!! …ma perchè continui a svilirti…buttati Cristo!!!

IO: “..ma perchè non vi fate i fatti vostri??”

METAFORA 3: “non vogliamo impiccarci nei tuoi affari…mica siamo le “desinenze” noi… vorremmo solo che tu imparassi ad essere più libero, a slegarti un po’..”

 

Per il timore che qualcuno mi notasse a chiacchierare nel piazzale dell’aeroporto con delle metafore, anche se nessun cartello lo vietava, distolgo lo sguardo e procedo spedito verso l’uscita.

Dopo qualche passo mi volto indietro… erano sparite!…nulla!…pazzesco! Si erano dissolte… come scorregge spazzate dal vento!!

 

…mah…!!!

 

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. :-))) veramente divertente! Ho davanti agli occhi l’immagine dei tuoi problemi stravaccati sul divano!

    Mi piace

    Rispondi
  2. anna marcato

     /  settembre 19, 2012

    veramente fuori!!!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: