LA SOLITUDINE…..(non della Pausini)

A volte basta poco, anche un piccolo ed inconsulto particolare, per predisporti a situazioni che svelano un parte della tua vita e che mai avresti immaginato….
…mah…!! …siccome non ci sto capendo un kakkio io, …figuriamoci voi.
Ci riprovo!
…spesso ho la sensazione che noi tutti, si cammini su una strada composta di bicchieri, talmente ben incastrati ed allineati tra loro, che danno una sensazione di stabilità. E’ sufficiente, però, che uno solo di questi sia scheggiato, si sposti in maniera impercettibile dalla sua posizione, che la strada si sgretoli sotto i nostri piedi, lasciandoci con il culo per terra.
…mi sa’ che nemmeno stavolta… comunque…
..la settimana scorsa, chiacchierando del nulla con Giancarlo (quello del non ancora famoso “PUNTO di G.”…) siamo arrivati a disquisire addirittura di piani tariffari. Lui è sempre stato molto attento a queste cose, mentre io, da quando possiedo il cellulare, non ho mai cambiato numero, gestore, né piano tariffario. Mi sono solo limitato ad arricchirlo di alcune opzioni (a pagamento) tipo: fisso mensile per chiamare con tariffa ridotta ma con scatto alla risposta, fisso mensile per inviare messaggi a prezzo scontato e fisso semestrale per ricaricarmi le rare volte che qualcuno chiama.
Su questo mi sono arrovellato a lungo il cervello e mi sono reso conto che, più utilizziamo “opzioni risparmio”, e meno conveniente è la tariffa. (un ragionamento da mandare fuori di testa perfino Umberto Eco).

Per prima cosa, con i nuovi SMARTPHONE tuoch screen, i messaggini, se hai terminato la fase pre-scolare è quasi impossibile utilizzarli. Al di fuori di quel periodo devi seguire delle elementari ma necessarie regole: essere rilassato (nell’impossibilità, rivolgersi ad un centro estetico per massaggi), completamente immobile, in assenza totale di vento, temperatura corporea non superiore i 36,7 gradi e non aver assunto caffeina o sostanze stupefacenti nei 2 giorni precedenti… semplice no?? Condizione questa, per disporre dell’equilibrio necessario che ti permette di centrare con l’indice quei “non tasti”. Da 6 mesi ne possiedo uno e credo di aver spedito non più di un SMS alla settimana.

SI STAVA MEGLIO QUANDO C’ERA LUI!!!!..mi verrebbe da dire. Il caro vecchio NOKIA da combattimento, vissuto eroicamente per un lustro, fino a quando, oltraggiato, percosso e torturato, si è lasciato morire tra le mani pacioccone ma crudeli della Jena…4 anni. (il giorno del funerale, c’erano tutti! ..e con i soci del gruppo “NEMICI DELLO SMARTPHONE”, abbiamo intonato ….“PIANGE IL TELEFONO”…e noi con lui.)

Un po’ mi commuove pensarlo, il caro estinto (e stinto), con lui riuscivo nelle cose più impensate e mai provate prima, addirittura praticavamo regolarmente il KAMASHUTRA. Ero in grado di inviare messaggini da qualunque posto, ma soprattutto in qualsiasi posizione. Amanti del pericolo, per rendere più emozionante la nostra relazione, come da adolescente, parte dei nostri incontri  avvenivano segretamente in auto. So che non è legale, ma la quasi totalità di sms,.. haimè..li ho spediti alla guida.
Alla luce di tutto questo, decido allora di andare in un negozio del mio gestore.
Entro timoroso ed immediatamente mi rendo conto che la crisi economica ha preso il sopravvento….il commesso, addirittura, mi saluta sorridendo!!..è gentile come poche volte mi è capitato, e con pazienza “certosina” (la famosa pazienza da spalmare) mi “prende per mano” e mi conduce con voce danzante, attraverso le varie opzioni. Dopo meno di 5 minuti, quasi mi commuovo! Andando contro i suoi interessi, mi consiglia l’abbonamento più economico (meno di 30 euro al mese…. prima ne spendevo 50/70)…fosse stata una signorina, avrei sentito crescere dentro di me l’Amore, quello con la A maiuscola….
..ti lascio il mio numero personale, nel caso avessi delle domande che non ti sono venute ora..”…intuisco che anche a lui sta crescendo dentro l’Amore, ma quello con la C maiuscola.
Concludo euforico il contratto e faccio per uscire, ma il commesso mi chiama indietro:
..scusa, stavo dimenticando, l’opzione che hai scelto, ti permette di chiamare gratuitamente un numero di questo gestore a tua scelta, ..se vuoi lo inseriamo subito..”
Tossisco e sento scricchiolare sotto i miei piedi la fila di bicchieri affiancati con precisione. Ho la netta convinzione di aver trovato quello scheggiato. A breve potrei volare col culo per terra… e lo faccio..!!
..dimmi pure..”
continuo a tossire e mi sembra di vedere nuvoloni neri che entrano nel negozio, pronti a piovermi addosso.
..come??…”
se mi dici il numero lo posso inserire subito..”
Cerco di prendere tempo chiedendogli chi solitamente fa il bordo ai suoi pantaloni..
Sono ormai franato su quei bicchieri rotti ed ho la netta sensazione che si stiano conficcando nella carne…
.. puoi farlo chiamando il call-center…anche tra una settimana….se vuoi… ma 6 pallido, posso portarti un bicchiere d’acqua?”
I nuvoloni iniziano a piovere… in veloce rassegna cerco di scorrere la mia rubrica mentale , ma non saprei quale numero inserire…non mi viene in mente NESSUNO!!!..(solo la mia EX.. e questo la dice lunga..). Ho la rubrica piena, ma se devo pensare ad un numero che chiamo più spesso, non mi viene in mente niente. Com’è?.. hanno tutti un altro gestore.. oppure…
già…OPPURE!!
Mi torna alla memoria la volta che andai all’ospedale per una puntura d’insetto sulla schiena, e dopo pochi minuti mi ritrovo, a causa di una macchia sospetta nei paraggi, sul tavolo operatorio (12 punti di sutura ed accenni di cacarella da parte mia).
Mi sento solo … il cambio di piano tariffario ha cambiato anche la percezione che ho avuto di me stesso in tutti questi anni…. e senza aggravio di spesa!!
Mi verrebbe un PIANTO tariffario.
Esco dal negozio senza dire una parola. Il commesso rimane basito, con un bicchiere di acqua minerale in mano.
All’uscita, però, vengo distratto dalla musica. Una versione gradevole ma “a casaccio” di BELLA CIAO, suonata con la fisarmonica da un ragazzo rumeno. Si chiama COSTEL. E’ simpatico e loquace. Gli lascio un euro e terminato il pezzo iniziamo a chiacchierare.
Mi confida che viene periodicamente a suonare qui perchè è cliente del negozio ed il commesso, gentilmente, gli porta spesso un caffè.
Cliente del negozio?? …interessante!! mi sembra decisamente simpatico e suona molto bene. Mi piacerebbe proprio rincontrarlo per ascoltare la sua musica … magari anche sua storia è avvincente..e avventurosa.. e .. e.. perchè no??!??
Guardo verso l’alto e sembra che un vento di maestrale stia spingendo lontano i nuvoloni scuri. Un raggio di sole va a sbattere sulla tastiera della fisarmonica e di rimbalzo quasi mi acceca, portandomi a stringere gli occhi come un sorriso. L’abbaglio passa, ma non il sorriso. Qualcosa che non ho ben capito, mi fa sentire più sereno e ottimista.

Scusa, COSTEL,… che ne dici se ci scambiamo il numero di cellulare??

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: