BUON COMPLEANNO PERDENTE

Ieri stavo cazzeggiando accuratamente al PC. Sia mai che arrivi ‘na mail di fondamentale importanza per la mia vita social-sessual-lavorativa…. mah..!!
Apro nell’ordine: Facebook, Skype, Twitter. Infine anche la pagina di questo blog, nella speranza di riuscire ad attizzare qualche fondamentale ed innovativa idea da rendere pubblica, così…tanto da cambiare le sorti di sto paese. Ma con lui…
Mission impossible… niente da fare!! si perde in partenza! (pare il tossico che dice a mamma che questa è l’ultima pera, e dai sondaggi pare che mamma, il 24 febbraio, gli crederà ancora).

CUCU' ITALIA!!!

CUCU’ ITALIA!!!!!!

…restuisco i soldi dell’IMU, (in banconote di piccolo taglio) condono tombale, (conoscendolo avevo capito tròmbale) accordi con la Svizzera (una bella bisteccona amica sua, minorenne, che fa buoni prezzi)...e..scusate…ma non ce la faccio….

TORNO SUBITO!!

rieccomi! Spero non vi siate annoiati, sono stato all’ombra del banano che ho in giardino a farmi un paio di risate! Pareva brutto farle qui!!

Dicevo, apro la pagina interna, quella riservata al gestore del blog, cioè io, e vedo una novità. Una piccola e sconosciuta icona a forma di calice in alto a destra.
Ci clicko sopra e… hoibo!! Compare l’augurio di buon compleanno.
Il 7 febbraio?? Beh..gentili, ma li compio il primo aprile io!
Leggo meglio: buon compleanno
perdentedisuccesso.
Cazzo!!…Già passato un anno??
Effettivamente, a pensarci bene, il blog l’avevo aperto in prossimità di un mio viaggio a Berlino per il festival del cinema che si tiene proprio in sto periodo e la prossima settimana, infatti, ci ritorno.
Testimonio a me stesso, con rammarico, che altri 12 mesi si sono tolti dalle palle.
Ultimamente, ho quasi l’impressione che gli anni ci sfiorino camminando con le pattine, così… per non farsi notare.

A parte la gentilezza del Sig. WordPress, mi stupisce il fatto che fino ad ora, e per tutto un anno, sia riuscito a sfornare alla media di uno a settimana, qualche inutile resoconto (post) della mia non esaltante esistenza. Non che sia cosa spropositata, ma per quel che riguarda il sottoscritto un po’ lo è. La sfida maggiore, è capitato spesso, l’obbligo prefisso fin da subito, di scrivere qualcosa con cadenza regolare e spesso senza averne un’idea precisa, almeno fino a quando le dita non terminavano la loro corsa sulla tastiera del portatile.

MY PC

MY PC

Rivivo ora, quell’iniziale imbarazzo che aveva portato a celare a me stesso un’esigenza che non sapevo di avere. Scrivere! Come a far uscire da un palloncino, con cadenza regolare, la stessa quantità d’aria prima che scoppi.
Merito/colpa della mia amica MIKY.
Al bar Astor, di fronte ad un anonimo Montecarlo
(aperitivo per cazzetti mosci), narrando superficiali aneddoti riguardanti piccole questioni tra vita, coincidenze&teatro, Miky aveva proferito la seguente parola “BLOG”.
(???)
..ma perchè non ne apri uno e le scrivi lì ste cazzate??..”
Senza regalare al mio pensiero il tempo dell’analisi, lì sul bancone, aveva estratto come Django la pistola, un portatile MAC puntandomelo addosso. Ipnotizzato, avevo dato il consenso, e quasi
a mia insaputa, come uno Scajola qualunque, (solo più onesto) precipitavo nell’obbligo di pubblicare qualche riga (post) almeno una volta a settimana.

Fin da quel primo pomeriggio, ho vissuto l’angoscia che si ripresentava poi, ogni 7 giorni, di clickare il tasto pubblica!

Per i primi 5 mesi, infatti, come in una relazione adultera, ho tenuto la cosa nel totale anonimato. E come per questa soddisfacente-situazione, piano piano, i 2 amanti, inconsciamente, hanno iniziato a far trapelare qualcosa, seminato indizi, facendo anonime condivisioni su FB, come a voler regolarizzare la relazione. E tanto è bastato a farli scoprire e confessare. Tra le prime ad intuire qualcosa, Miss X (mia Ex) che senza dire una parola, specchiandosi nell’evidente riflesso di qualche riga, per il mio compleanno si è presentata a casa con un pacchetto. Lo apro! All’interno: un sacchetto di virgole, una gomma allegata, sulla quale una scritta:

              ELIMINA QUEI CAZZO DI PUNTINI DI  SOSPENSIONE!

 Nel corso dei mesi, assaporando inaspettatamente il piacere della scrittura, unita al desiderio di analizzare il ritmo delle mie giornate, ho iniziato a gustare con sempre maggiore intensità questo nuovo ed insindacabile valore quotidiano. Con la lentezza del neofita, ho iniziato a fraternizzare con questo strano e per i più, insignificante ed inutile sistema di comunicazione, fino a volerne sfidare tutti i suoi misteri, (opzioni) senza riuscire a venirne spesso a capo.

Naturalmente ringrazio quelli che di giorno in giorno, ed in numero sempre maggiore, mi regalano una piccola tappa della loro giornata, ma in fondo, venire letti non ha eccessiva importanza, in confronto al fatto che scrivendo, riesco a raccontarmi storie che non sapevo di conoscere. E che questo mi piace!! Mi fa sentire bene!! Un modo illusorio, forse, di rallentare ste giornate che sbattendosene le palle, viaggiano veloci come un treno, dove persone che salutano dal finestrino ce ne sono sempre meno e qualcuna non la riconosci neppure più. Insomma, un modo per far affiorare sentimenti sopiti, come la sabbia sale in superficie dopo che ne hai mosso il fondale, ma anche, e soprattutto, un modo terapeutico per dire quel cazzo che mi pare, alla faccia dei tanti perchè.

Annunci
Lascia un commento

3 commenti

  1. 🙂

    sempre divertente….leggerti

    Mi piace

    Rispondi
  2. bea

     /  febbraio 8, 2013

    Già trascorso un anno !!!!!
    Ogni tanto ti leggo anch’io.
    ciao

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: