BLOG….cose che mi colpiscono anche se mi scanso

Proprio pochi giorni fa, in pieno primo anniversario del mio blog, riflettevo sull’aspetto catartico (cazzo vorrà dire) della scrittura e dell’importanza prettamente personale e vagamente narcisistica di tenere un quasi inutile diario.
Naturalmente il fatto di scrivere e farsi leggere, è la priorità del mezzo.
Quando però, la piccola creatura inizia a prendere forma, e ci si affeziona, cresce anche l’esigenza di addentrarsi il più possibile nei suoi meandri tecnici, nel grande labirinto più scuro.
Considerando la mia conoscenza informatica, solo una tacca sopra quella di nonna Virginia, morta quando avevo 9 anni, lascio intuire la difficoltà.
(un po’ come a camminare nella notte tra i cespugli, ubriaco, zoppo, con benda sugli occhi, inseguito dagli zigomi della Santanchè e dall’attentatore di Maurizio Belpietro….il martedì).

Per “rubare” qualche spunto, ho iniziato a sbirciare tra i colleghi ed un nonnulla è bastato per aver, non direi la sensazione, ma la certezza, che la grafica che utilizzavo aveva come funzione primaria quella intestinale.
Per non sembrare il figlio della serva, che gira ancora con i pantaloni a zampa di elefante, ho cercato quinidi, di dargli una veste più congrua e per questo, un tardopomeriggio, ed a rischio della mia stessa vita, ho buttato giù dal letto Ruvo, amico e talentuoso vignettista. E quello che ne è uscito sul frontespizio, sono io! Niente male vero??
Non fateglielo sapere, ma un paio di imprecisioni ci sono: le lenti da astigmatico, mentre nella realtà sono miope, e la mancanza di qualche capello grigio d’esperienza, che periodicamente tratto con un uniposca di colore nero.
Con Ruvo, per un periodo abbiamo pure collaborato e vista la concomitanza della cronaca, pareva brutto non rispolverare una vignetta, datata, ma pur sempre di moda… purtroppo!!

dimissioni firmate

dimissioni firmate

PAPA&PAPY

PAPA&PAPY

Tra le pieghe del blog, una cosa mi ha colpito senza lasciare lividi: tutti i tipi di statistiche…e oltre. Numero di visitatori, tempo medio di “fermata” e, cosa più curiosa, siti di provenienza. Capita, visitando altri blog, di avere il desiderio impellente di registrare un commento e queste sono le opzioni possibili: produrlo in forma anonima, oppure inserirlo in un apposito spazio creato per i possessori di altri blog. Perchè mi chiedevo?? Il perchè è subito svelato. Dopo aver inserito da ospite qualche commento da far nitrire dalle risate perfino Mario Monti, sono iniziate a fioccarmi addosso visite dai blog in questione.
Alla luce di questo, avendo un cazzo da fare, risulta il miglior metodo per iniziare un circolo virtuoso di nuovi visitatori che ritenendo imprescindibile il tuo modo di sparpagliare parole, spesso ti colloca addirittura tra i link preferiti. E’ parso subito chiaro perchè, per il 94,6%, i commenti arrivano da colleghi.
Un po’ come a trovarsi in un locale per scambisti, e chiedersi perchè mai nessuno si ferma per il solo desiderio una birretta.

Colleghi” di buona qualità cmq ce ne sono e non pochi, ma per pigrizia non ne ho evidenziati molti. (fateci un giro, li trovate sotto la scritta “buco della serratura”. Per sensibilità, umorismo e utilizzo dei congiuntivi senza l’abuso di roncola, un nome ve lo faccio… volevofarelarockstar.comdite che vi mando io!!)

Sempre tra le pieghe, altra statistica: visite provenienti dall’estero. Quasi un 20% del totale. Nulla di strano, non fosse per la classifica: Germania, (cazzo, sempre loro in finale) Camerun, Vietman e Australia….mah!!
(col dubbio di essere apprezzato da chi non mi comprende..mi ricorda qualche relazione di coppia)

Altra statistica e sconcertantesorpresa. Visite tramite i classici motori di ricerca. Grande fonte di turbamento del sottoscritto, per la consapevolezza di non essere il ragazzotto a modo che pensavo di essere. Le parole inserite, per gran parte sono di sta caratura:

  1. tette e culo di Marta Flavi

  2. Marta Flavi mignotta

  3. culo di Marta Flavi…………..(ma che vi ha fatto la povera Marta?)

  4. Venuto al mondo tette

  5. milf d’assalto

  6. cuccare alla comet

  7. è normale sbavare tanto in un cunnillingus

  8. guardare nelle scollature delle hostess

(e ste qui sono le uniche ripetibili!!)

Fortuna che nel marasma di volgarità, a preservare il mio amor proprio, arrivava:

macchina per sgusciare noccioline

Beh… chiunque tu sia …graziedicuore!!!

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

10 commenti

  1. Dai sei stato fortunato. A me è capitata roba come: “serpente in figa”.
    ‘Namo bene…

    Mi piace

    Rispondi
  2. io ai referral ho smesso di guardarci da mo’ 🙂
    rob,…il mio blog è volevofarelarockstar.com. 😉

    Mi piace

    Rispondi
  3. Ah, il Camerun… A noi non è ancora capitato! Mi hai stimolato un nuovo gioco. Adesso voglio una bandierina per ogni stato 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  4. Signori, magari non vi importa, ma poco fa abbiamo appena conquistato la Cambodia!

    Mi piace

    Rispondi
  5. chiara

     /  marzo 2, 2013

    Io!! Sono io quella del Camerun! uh come mi sento importante adesso!!! 🙂
    c.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: