PRO-STITUZIONE

La settimana scorsa, nell’edicola di Gianka, quello del Punto di G., dopo aver seguito quel programma comico dal titolo “la fiducia al governo”, che all’estero fa rotolare dalle risate, ma qui un po’ meno, avevamo aperto un’improrogabile discussione sulla prostituzione.
Da noi, si sa’, dopo politica, anche seguendo un non trascurabile ordine alfabetico, la parola prostituzione compare subito in superficie come una scoreggia mollata in piscina.
La cosa che però mi aveva fatto sussultare, nel bailamme delle battute che a turno venivano profuse a getto continuo, era una proposta, l’unica che mi ero trovato a condividere in pieno.
La regolarizzazione della prostituzione.
E fin qui, tutto bene.
Il coccolone, però, mi stava prendendo perchè a proporla era proprio la Lega Nord per voce del sindaco di Cittadella, ricordando che solo pochi anni fa, gli stessi, erano scesi in piazza, a Padova, per protestare contro l’apertura di un Sexy-shop.

LA COERENZA

LA COERENZA

Beh,..mi ero detto, dopo un trentennio, finalmente una proposta concreta e condivisibile. Il mio pensiero solidale, però, era corso immediato alla vita alla quale erano costretti ‘sti poveri cristi. Elettori che ogni quarto d’ora, con sapiente slalom, a  doversi districare tra pericolosi paletti e trovarsi da anticlericali a ferventi cattolici in un lampo, senza il preavviso di almeno un paio di giorni. Dirottare bestemmie in preghiera e viceversa, senza uno scarto di tempo adeguato, che si sappia, può creare seri problemi, basti vedere quello che è successo al loro leader… ma tant’è!

Come capita, cmq, quando si discute di politica, basta proprio un’inezia per arrivare al personale e da lì, ad intavolare un discorso improntato sulle mignotte, il passo è breve.
Partimmo inizialmente a disquisirne da un punto di vista socio/economico, convenendo che era cosa buona&giusta, per un ovvio motivo di cassetta, ma anche e soprattutto per dare un po’ di “sollievo” a persone che per età, aspetto o solitudine, non potevano più avvicinarsi a questo naturale svagosenza dimenticare chi è gravato da pesante handicap fisico o mentale.
(da non perdere il film dell’anno passato “the session”)
E via, poi, a piene mani, a raccontare esperienze…. di altri…fino a lambire anche la lotta femminile sul fango andando, è vero, fuori tema.
Fatto sta, che nessuno di noi aveva mai provato l’ebbrezza del sesso mercenario.
Rinverdendo situazioni altrui, era palese che mi trovavo inconsapevolmente vittima di una malattia della quale la medicina mondiale ancora faticava ad esprimersi, ma, e lo dico senza vanto alcuno, andare a zoccole non è mai stata una mia prerogativa di vita….così pure il desiderio di sbirciare 2 donne avvinghiate nel fuoco della loro intimità.
(da quest’ultimo, anche senza farmaci, sono cmq in via di guarigione).
A ben ricordare, però, restando in tema, una situazione che non valeva assolutamente la pena rivangare, e proprio per questo l’ho fatto (e faccio), era capitata anni prima. In quell’occasione, come quasi mai accade, me l’ero scansata brillantemente, tipo quando, leggendo il giornale per strada, riesci ad evitare all’ultimo una merda di cane.

All’epoca, vagavo nel mio più splendido periodo seduttivo, dove riuscivo senza problemi, a concupire donne solo ed esclusivamente il 29 febbraio.
In quelle settimane avevo conosciuto tra gli scaffali del supermercato dove lavoravo, una ragazza di qualche anno più avanti, gradevole, ma soprattutto procace.
Veniv…pardon, si recava sempre con il marito, un bell’uomo e finanziere, lo dedussi dal fatto che si presentava immancabilmente in divisa.
Mah..sarà stato il mio savoir faire o le battute umoristiche che elargivo a piene mani, la signorina parve da subito ritenere il sottoscritto persona necessaria e piano piano, iniziando a presentarsi sola, non mancava mai di richiedere la mia presenza anche per delle banalità.
La invitai, in breve, ad una passeggiata mattutina, un lunedì, visto che altri giorni ero impegnato e la sera, ovviamente, riteneva lei inopportuno uscire.
Accettò!
Ero gasatissimo per il posto che scelse, una località turistica fuori stagione, quindi via da occhi indiscreti, ma anche e soprattutto, per aver sfatato il mito 29 febbraio, essendo un tiepido aprile.
Salendo lungo i tornanti, un paio di volte era arrivata a sfiorare la mia con la sua mano, mentre la tenevo sul pomello del cambio e da lì a pensare che se è vero che 2 + 2 fa 4, la situazione si sarebbe conclusa a mio favore.
Evidentemente l’aritmetica mi aveva voltato le spalle, visto che in quell’occasione 2 + 2 faceva 50, come gli euro che mi chiese per la sua compagnia.
Ora…so che è stupido, ma la prima cosa che pensai nell’immediato, fu lo sgarbo che stava facendo al marito. Non tanto per le corna, ma per il fatto che lei, moglie di un finanziere, avesse intrapreso un’occupazione che non contemplava l’emissione di scontrino fiscale.
Dicevo che me la cavai brillantemente come quasi mai accade. Di solito se incontro della merda inizio a spalmarla. Quella volta dissi che era fantastico, che avevamo sorprendentemente molte cose in comune tra cui il lavoro, lo stesso, non però le tariffe, di poco superiori le mie, ma che per questa volta le sarei venuto volentieri in contro.
Proposi quindi un pari&patta, invito che la signorina, immagino declinò, dal momento che non mi rivolse parola fino a casa.
Me ne feci una ragione…e persi una cliente.
(e pure lei)

Alla luce di questo episodio, con Gianka, dibattemmo se mai avremmo potuto in un futuro, tenere in considerazione una cosa del genere, cioè sesso in cambio di danaro.
Ne convenimmo che sì, l’avremmo potuto fare e pure volentieri, solo che il compenso sarebbe stata solo una scusa….siamo gente semplice noi!

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. In effetti le tariffe della signora sono molto popolari ……ed in questo consiste il torto al marito, farlo becco per quattro soldi!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: