IDROLITINA PER TUTTI…. OFFRO IO!!!

Oggi, non so, sarà che stamattina mi sono soffermato troppo a lungo a guardare neutrale fuori dalla finestra, o subito dopo quando meccanicamente ho preso a sbirciare proprio qui, dentro di me, (meno neutrale e più preoccupato) ma, come il ricordo della birra dopo il rutto, è salito ai piani alti, inaspettato, il pensiero insapore del mio quotidiano.
Lapalissiano che, in genere, un aroma, nonostante vada in giro vantandosi della somiglianza col gusto originale, non ne contenga né la sostanza, né il sapore tanto meno gli effetti.

Questo però, grossomodo, è quello che è successo a me stamani. A dirla tutta, magari a salire fosse stato il rigurgito della birra, no! Ha rilasciato il posto, invece, ad un più disonorevole e triste gusto da far pensare, senza dubbio ed apparenti collegamenti, all’acqua Idrolitina.

Ecco!! La prova provata che i pensieri vivono di vita propria, e con estrema facilità si stanno emancipando da una mente che, compito suo, dovrebbe contenerli. Io per primo, rimango sorpreso da queste analogie sulle quali nemmeno se mi stipendiano vorrei indagare. Già…una nuova nevrosi è sempre pronta a farti cu-cù.
Dato di fatto, cmq, che a quella polverina bianca
(niente facile ironia!) mi sono abbeverato per un ventennio e qualcosa vorrà pur dire!
( verrebbe quasi da annoverare, oltre a quello fascista e berlusconiano, anche il ventennio “idrolitino” quale protagonista del mio personale declino).
Non voglio relegare, certo, al Cav. Gazzoni, l’inventore della formula, questo mio stato di malinconia che mi schiaffeggia a scacchiera, è palese che ci ho messo del mio, ma sento di dichiarare, senza tema di smentita che mai come ora, un periodo ha ricordato l’aroma vacuo della polverina di cui sopra.
E quando le giornate sanno di Idrolitina, vi assicuro, c’è poco da stare allegri.
L’acqua Idrolitina, è solo la flebile parvenza di bere qualcosa di superiore all’acqua del rubinetto, il suo “frizzo”, purtroppo, si smarrisce in poche sorsate. Per certi versi ricorda le gomme Brooklyn. Illudono ed allietano al primo morso, poi stanno lì, tra lingua e palato a girare immeritatamente come in una giostra, rimarcando ad ogni morso la loro inutilità.
Dell’idrolitina, ricordo, oltre la filastrocca impressa sul cartoncino giallo della confezione, anche dei blandi dettami: una volta immessa la polvere nella bottiglia, “sguarattarla”(sbatterla) e rovesciarla a testa in giù per generarne quel po’ di “frizzo” indispensabile ad arrecare quel vago e temporaneo piacere.

02Idrolitinapome.JPG

Stamani, alla finestra in questione, come quelli messi maluccio, auto-annichilito per aver paragonato il mio quotidiano alla vacuità dell’acqua Idrolitina e come se a consigliarmelo fosse stato un ciarlatano da TV privata, ho addirittura pensato che se fossi riuscito a stare in verticale a testa in giù, ed avessi preso ad “auto-sguarattarmi”, sarei riuscito a regalare un vago “frizzo” a me stesso, alle mie giornate e alla mia vita. Ma ho desistito grazie ad una serie di scricchiolii, sempre pronti a farmi da colonna sonora le volte che testo l’elasticità del mio corpo.
Lo so che voi, gente in malafede non ci crederete, ma io, il Sig. Gazzoni, l’ho conosciuto veramente. Non fu un incontro epico, anche perchè agli incontri epici, non ti crede mai nessuno, quindi evito.
(Nn racconterò mai, ad esempio, la volta che strinsi la mano ad Al Pacino, tanto chi mi crederebbe…stento a credermi da solo!) Cmq.. Nemmeno “epicuccio”. Qui, piuttosto, ci fermiamo dalle parti del banale…e quindi si può raccontare.
Risale agli anni ’90 ed io combattevo valorosamente contro astiose folate di vento in un distributore di benzina in cima ai monti in direzione Cortina.
Un signore di una certa età, lui, il cavaliere, in compagnia del figlio, arriva con un Suv di colore scuro. Al momento di pagare, leggo sulla carta di credito “Bologna calcio”, (ne era il presidente all’epoca) ed il nome Gazzoni.
“lei è quello dell’acqua Idrolitina!..”..dico con esagerata enfasi. Probabilmente quella, l’idrolitina, a casa si beveva perchè immagino fosse la più economica. All’epoca la qualità non era un optional di serie.
Annuisce e sorride…
Ma io continuo incosciente: “la poesia della confezione la sapevo a memoria.. e ancora la ricordo..”.
2 + 2 = 4! Su invito del Cav. Gazzoni, con la promessa che avrei ricevuto la bandiera autografata dai giocatori del Bologna, (cosa per me prescindibilissima) mi sono trovato mio malgrado, ad intonarne la filastrocca. E poco mancava che non chiedesse di utilizzare la pompa della benzina come microfono.
In sunto, forte di una vaga esperienza teatrale, di fronte ad un bel gruppetto tra clienti e colleghi, che pur sempre un pubblico è, questo quello che ho intonato e pare brutto
non rivangare qui e ora, a memoria:

Diceva l’oste al vino
tu mi diventi vecchio,
ti voglio maritare
all’acqua del mio secchio.
Rispose il vino all’oste
fai le pubblicazioni!!
sposo l’Idrolitina
del Cavalier Gazzoni

Ad onor del vero, la bandiera autografata non l’ho mai ricevuta e me ne sono fatto pure una ragione.
Ho saputo che ultimamente il Cavaliere non se la passa molto bene, ed in un’intervista si è dichiarato “povero ma più tranquillo”, ha venduto l’elicottero e gli è rimasto solo un palazzo nel centro di Bologna.
Può capitare, dico io!
C’è la crisi, si sa, il periodo è quello che è e molti, come Il sottoscritto ed il povero cav. Gazzoni, non se la stanno passando bene. Vivono con la sensazione limpida che la loro vita faccia acqua da tutte le parti… e se l’assaggi, sa proprio di Idrolitina.

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: